Antonio Apuzzo ( Liveri -NA- 17 aprile 1956)

Si è diplomato in sassofono nel 1980 sotto la guida di Baldo Maestri, svolgendo inoltre studi di clarinetto, armonia e composizione.
Attivo concertisticamente dal 1975, ha fondato nel 1982 con Sandro Lalla e Mauro Orselli l’omonimo trio, con il quale ha partecipato a numerose rassegne e registrato programmi radiofonici e televisivi.
Ha fatto parte dell’Orchestra Nazionale dell’Amj, della Sidma Orchestra con la quale ha suonato una nuova versione di “Epitaph” di Charles Mingus sotto la direzione di Andrei Homzy, e ha composto con Mauro Cardi, per Rai Radio3, l’opera Luz  per trio jazz e settetto da camera.
Una sua composizione, incisa con l’Ibrido Hot Five, è stata inserita nella selezione finale dell’ International Songwriting Competition 2007. 
Nel 2010 è stato invitato al festival di Colonia per eseguire  I Canti del Capricorno di Giacinto Scelsi, con Michiko Hirayama.
Ha scritto Gentle Giant - I giganti del prog-rock edito da Stampa Alternativa  e, in collaborazione con Luigi Onori, il testo universitario Il jazz nella tradizione Afroamericana.
Nel 1979 è stato tra i soci fondatori della SPM di Villa Gordiani, in cui ha ricoperto anche il ruolo di Presidente.
Ha inciso cinque lavori discografici con Orselli Apuzzo Lalla Trio, quattro con l’Ibrido Hot X, uno con l’Antonio Apuzzo Electric Dream, uno con l’ Orchestra e il Coro della SPM di Villa Gordiani  e tre con l’Orchestra del percussionista Tony Rusconi.

Intervista